italiano | english

Posts Tagged ‘Italia’

“Per le donne dovete fare di più” Il Comitato Onu sferza l’Italia

Wednesday, January 18th, 2012

La Cedaw presenta un rapporto che inchioda Roma: stereotipi, violenze e troppe discriminazioni.

La Consigliera di parità replica: “Ma sul lavoro siamo migliorati”

«L’Italia deve fare molto di più, c’è uno scarto tra legge e sua applicazione che va colmato, le donne non sono il problema ma la soluzione», questo l’appello accorato, oltre che nei termini, anche nei modi, di Violeta Neubauer, membro del Comitato Onu per l’eliminazione delle discriminazione nei confronti delle donne, che vigila sull’applicazione dell’omonima convenzione internazionale, la Cedaw, nella sala Mappamondo della Camera dei deputati, in occasione della presentazione del rapporto ombra sui diritti delle donne in Italia.

Le osservazioni del Comitato Cedaw
La Cedaw è il principale strumento internazionale di riconoscimento e difesa dei diritti delle donne. Per la prima volta una decina di associazioni ha presentato, a New York, lo scorso luglio, in contemporanea con la presentazione del rapporto quadriennale del Governo italiano sull’implementazione della Convenzione, un rapporto-ombra che mette a fuoco le criticità della situazione nazionale rispetto alle norme contenute nella carta, iniziando un dibattito. Le osservazioni conclusive del Comitato, successive al lavoro degli stati membrei e delle Ong hanno sintetizzato diverse criticità soprattutto nella rappresentazione stereotipata (punto 22-25) e per quanto riguarda la violenza (26-27). I due fattori sono messi in relazione. (more…)

Senza donne

Monday, October 4th, 2010

In onda domenica 26 settembre 2010 alle 21:00

Tutti sanno che in Italia le donne contano poco, ma quanto poco?

Quante donne abbiamo nei posti di comando della politica, dell’economia, della magistratura,dell’informazione, della società? Le quote rosa potrebbero risolvere il problema?

Con SENZADONNE Presadiretta vi fa vedere quanto grande è la discriminazione di genere in Italia  e quanto difficile è fare carriera per le donne italiane.  Le nostre telecamere seguiranno la vita di tutti i giorni delle mamme lavoratrici, alle prese con gli orari “inflessibili” delle aziende, con la mancanza  di asili nido e con un welfare ridotto al lumicino. Più di un terzo delle donne italiane, infatti,  lascia il posto di lavoro dopo aver avuto il primo figlio.

“Senzadonne”  vi fa capire cosa e quanto stiamo  perdendo a escludere metà del paese dai posti comando.  Stiamo rinunciando alla loro competenza, alla loro intelligenza, alla loro passione.  Riccardo Iacona è andato in Norvegia, dove grazie alle quote rosa e alle leggi sulla parità sono riusciti a costruire una vera parità tra uomo e donna.   Nella puntata di Presadiretta anche  il vero e proprio abuso del corpo della donna  fatto in Italia da certa televisione e certa pubblicità, confrontandolo con quello che succede in un Paese latino e “macho” come il nostro, la Spagna.


SENZADONNE è un racconto di Francesca Barzini, Riccardo Iacona ed Elena Stramentinoli

Clicca qui per vedere il video!

Pare o Dispare - Donne nei media e in pubblicità: per una diversa immagine delle donne in Italia

Thursday, June 3rd, 2010

Milano 10 giugno 2010 dalle 16:45 presso l’Università Statale- aula 201 - Via Festa del Perdono, 3

Donne nei media e in pubblicità: per una diversa immagine delle donne in Italia

Pari o Dispare, Comitato per l’effettivo raggiungimento della parità fra uomini e donne italiani/e nel lavoro e nella società, avvia e presenta le sue iniziative nell’ area dell’immagine di genere e incontra a Milano il mondo della cultura, dell’associazionismo, dei media, delle aziende, della politica,

Contro l’involuzione e i limiti attuali; per un’immagine nuova delle donne, non monocorde o offensiva, ma molteplice, creativa, più aderente alla realtà; per la promozione e il rilancio di alternative e linguaggi nuovi.

In una alternanza di testimonianze e video verranno anche premiate iniziative e forme di comunicazione intelligenti e innovative.

Per saperne di più clicca qui Pare o Dispare

milano